Calende Arie Effemeridi 2 Maggio

2 Maggio 1945 –

Alle 5 del mattino il Generale Weidling comandante la piazza di Berlino, ottemperato al suo dovere, si consegna ai russi per firmare la capitolazione della capitale del Reich dopo un’incredibile difesa.
Stalin è furibondo poiché non è stato conseguito l’obiettivo della capitolazione per il primo maggio, festa del lavoratori.

Sono mobilitati mezzo milione di soldati russi (più un milione nelle retrovie), migliaia di carri armati, un fronte di 6000 cannoni, uno ogni nove metri, per conquistare la città difesa, giorno dopo giorno,  palmo a palmo da giovani della Hitlerjugend, membri del partito, ufficiali e soldati della Wermacht, uomini e donne di ogni età del Volksturm.

I reparti della SS di ogni nazionalità, fiamminghi, francesi, lettoni, spagnoli, svedesi e tanti altri partecipano e si fanno annientare sul posto. Reparti improvvisati da funzionari pubblici solo 3 giorni prima sono annientati pur non cedendo un passo.
Cadere nella difesa del Ministero degli Interni è un onore della Guardia delle SS tedesche.

Di fronte a tanta determinazione, per avanzare, i russi cannoneggiano costantemente le loro stesse prime linee.

Adolf Hitler si è dato la morte non prima d’essersi sposato alla Signora  Eva Hitler Braun. Come ha promesso è rimasto accanto al suo popolo fino al estremo istante.

Le ultime decorazioni al valore vengono consegnate, quasi un viatico, ad alcuni volontari delle SS francesi.

La memoria va all’ultima disperata difesa del millenario Impero di Costantinopoli dove l’imperatore Michele X scompare sul campo di battaglia il giorno stesso della conquista della capitale Bizantina da parte dei turchi.

 

Commenta con Facebook

Leave A Response

* Denotes Required Field